Archivi Blog

Volare libera. #10


Tre mesi dopo la morte del marito, Gloria sentì il bisogno di dare uno scossone alla propria esistenza che, per la prima volta, ritenne troppo ordinaria e tranquilla. Si disse che era stata un’adolescente felice con i genitori, e, se

Tagged with: , ,
Pubblicato su Giuseppina D'Amato, Memoria Narrante

Il segreto dell’isola.#8


Il passato. #8 Paolo, suo padre, si rilassava fumando la pipa, la sera. Sedeva sulla poltrona di pelle un po’ consunta ai bordi e lungo i braccioli, posta davanti alla finestra, la stessa che Gloria aveva di fronte a sé.

Tagged with: , ,
Pubblicato su Giuseppina D'Amato, Memoria Narrante

Il segreto dell’isola. #7


Calliope. Dettaglio del dipinto Urania e Calliope di Simon Vouet (1634 ca.) La sera, a casa di Gloria. #7 La presenza di Miranda aveva contenuto la scossa emotiva ma, nella solitudine della casa, Gloria decise che era tempo di abbandonarsi

Tagged with: , ,
Pubblicato su Giuseppina D'Amato, Memoria Narrante

Il segreto dell’isola. Incipit


Ogni essere umano custodisce un segreto nel cuore. Giuseppina D’Amato Per tre mesi consecutivi, Gloria Bellini si era recata in un paese, sperduto fra le nebbie, senza che nulla accadesse. Non poteva immaginare che, una mattina d’inverno, alcuni indizi le avrebbero rivelato

Tagged with: , ,
Pubblicato su Giuseppina D'Amato, Memoria Narrante

Comunicazione. #5


Un uomo anziano, nodoso e rigido come una lettera “I”, intagliata nel legno, sedette al tavolo accanto al grammofono, con un amico più giovane. Il compagno, poco più alto e robusto, col viso giocondo e ben nutrito, ricordava la morbida rotondità

Tagged with: , ,
Pubblicato su Giuseppina D'Amato, Memoria Narrante

Cristina e l’incontro con Falco


Quando fu sola, Cristina pensò che la passeggiata, in fondo, era stata proficua: aveva fatto movimento fisico, fino a percepire gli effetti nocivi e dolorosi dell’acido lattico, cosa che le succedeva di rado e, soprattutto, stava per intraprendere un viaggio fantastico

Tagged with: ,
Pubblicato su Memoria Narrante

Cristina e il ritorno di Pierre


Il ritorno di Pierre. Da quando viveva a Milano, Cristina era stata indaffarata con gli scatoloni dei libri, le stoviglie e le valigie stracolme di biancheria e vestiti. Presa dal trasloco, non aveva avuto il tempo di visitare il quartiere, e quella

Tagged with: , ,
Pubblicato su Diario, Memoria Narrante

Cristina, ragazza strana, scrittrice alle prese con la realtà, le metafore, le allegorie


Una mattina Gregorio Samsa, destandosi da sogni inquieti, si trovò mutato in un insetto mostruoso. Era disteso sul dorso, duro come una corazza, e alzando un poco il capo poteva vedere il suo ventre bruno convesso, solcato da nervature arcuate, sul quale si manteneva a stento la coperta, prossima a scivolare a terra. Una quantità di gambe, compassionevolmente sottili in confronto alla sua mole, gli si agitava dinanzi agli occhi. “Che mi è accaduto?” pensò. Non era un sogno.

Tagged with:
Pubblicato su Diario, Memoria Narrante

Cristina, ragazza strana, scrittrice alle prese con la realtà, le metafore, le allegorie


4 – Cristina, ragazza strana, scrittrice alle prese con la realtà, le metafore, le allegorie. La luminosità del sole che sorgeva a est, dietro la ferrovia, congedò le luci dei lampioni e le insegne dei negozi. Entrò nella camera attraverso

Tagged with:
Pubblicato su Diario, Memoria Narrante
Articoli Recenti
Archivi
Categorie
Follow Memoria Narrante on WordPress.com
Le favole dentro la borsa
Le favole dentro la borsa

Giuseppina D'Amato