Il libro di settembre


Il mio tempo: un’adolescente negli anni ’60.

Scarica il libro gratis dal 15 al 19 settembre 2018.

Annunci

Gentile signora


Signora,
le scrivo due righe per metterla al corrente della mia recente situazione famigliare.
Innanzi tutto, le condizioni del caro infermo sono peggiorate. Come lei già saprà, non tocca cibo da venerdì. Beve solo qualche sorso di te, col rischio di soffocare. Non è molto lucido, dorme sempre, ha il volto arrossato e tumefatto, ma non ha la febbre. Domani, verrà a visitarlo il dottore di famiglia, e ci consulteremo sul da farsi.
Oggi, sono andata dal capo a presentare la domanda di congedo. Ha rifiutato. Non può concedermelo subito, ha detto. Ha preso tempo. Vuole pensarci, e concertare delle sostituzioni con il responsabile del settore. Mi ha dato appuntamento a domani. Il fatto mi ha amareggiato, malgrado io sappia che il congedo è discrezionale e che il dirigente ha sessanta giorni per dare una risposta. Sacrosanti i suoi diritti. Però, la malattia non dà nessun preavviso, neppure la depressione, né tantomeno tu.
Alla luce dei fatti, credo che l’origine dei miei recenti e ulteriori stati depressivi e di ansia siano dovuti alla percezione, ormai divenuta certezza, che presto dovrò affrontare nuove e dolorose prove, come tu ben sai. Ho tergiversato a lungo, prima  di riconoscere quest’amara verità. Non avevo ancora capito che con te c’è poco da rimandare. Impossibile eludere la tua ineluttabilità.
Signora, non attendo la sua visita a breve e non la saluto cordialmente.

Suo Alfredo

Lettera dal passato.

Discorso in favola sul Tempo


Leggi i capitoli 1 e 2

Giuseppina D'Amato|Libri

Winter Fairy by Alla Tsank Winter Fairy di Alla Tsank

Viaggiando nel Tempo e nello Spazio

“Scorrono gli anni, volano i mesi e i giorni. Quanta pioggia è caduta, quanta neve! Ti svegli una mattina, e pare che sia finito un altro anno, ma è soltanto un nuovo giorno, e qua e là è spuntata una nuova ruga: sulla schiena, sul soffitto, sulla guancia.” Marc Chagall, pittore bielorusso di origine ebraica vissuto nel mille e novecento.

Capitolo 1

“La fantastica storia di Tempo”, una favola romantica per spiegare ai più piccini lo scorrere del tempo e l’alternarsi delle stagioni attraverso belle metafore e fantastiche personificazioni.
E perché no? Per far sognare i bambini e la bambine di ogni età.

LA FANTASTICA STORIA DI TEMPO

C’era una volta, e c’è ancora, un re d’età veneranda che regnava dall’inizio della creazione sull’intero universo.
Era, ed è, il padrone assoluto del mondo e di ogni creatura.
Il suo…

View original post 3.596 altre parole

La leggenda di Tre Capanne


Giuseppina D'Amato|Libri

Foto del 09-01-16 alle 22.20 #2 Immagine personale

Nel bosco di Tre Capanne viveva, da secoli, un folletto.
Lo gnomo era così piccolo che abitava nel tronco cavo di una quercia che aveva il doppio dei suoi anni, e distendeva la folta chioma sulla Radura della Quercia Vecchia.
Lo gnomo, di giorno, dormiva. La notte, scorrazzava per il bosco, facendo i dispetti alle bestiole che vi dimoravano.
Lo spiritello era scontroso e solitario, e nessuno l’aveva mai visto. O quasi!
Molti sospettavano della sua esistenza, ma non osavano confermarla, per timore d’essere considerati folli.
I pochi ingenui che avevano ammesso d’averlo scorto al chiarore della luna, con un berrettino rosso a punta, calato sulla fronte, mentre s’infrattava nei cespugli intricati, erano giudicati pazzi o ubriaconi.
I più temerari avevano provato ad acciuffarlo per il panciotto marrone, strizzato sul ventre prominente, mentre gli avidi miravano al cappuccio, un cimelio magico molto ambito.
Un’antica leggenda popolare narrava che…

View original post 309 altre parole