#Expo2015


Buon EXPO 2015 a tutti. (Esposizione Universale Milano 2015, Italia, in inglese World Exposition Milano 2015, Italy)

Fra pochi giorni sarà inaugurato a Milano l’atteso evento #Expo2015, il cui slogan “Nutrire il pianeta, energia per la vita” presuppone un grande impegno e la volontà di trovare delle soluzioni alla fame nel mondo. Dalla manifestazione scaturirà La Carta di Milano: “l’eredità di Expo Milano 2015. Un dovere condiviso”, un documento internazionale, in cui si  definiscono gli impegni di ciascun soggetto a garantire il diritto al cibo, un diritto che, “deve essere esigibile, perché il cibo è il fondamento per una vita vera e degna di essere vissuta.” (Pomodoro) 

L’istituto in cui insegno ha  voluto coinvolgere alcuni studenti in qualità di accompagnatori per un giorno, e le classi con visite didattiche. Sinora pochi alunni hanno disertato l’iniziativa, nel timore di attentati terroristici.

Personalmente, credo che non si possano escludere azioni eclatanti, a Milano o altrove, atte a diffondere il panico nelle coscienze delle persone civili. Tuttavia, ho fiducia nelle forze dell’ordine, nei controlli severi, nell’organizzazione e, soprattutto, nella modalità d’ingresso solo su prenotazione. Ritengo che continuare a vivere la nostra vita in maniera serena e normale sia l’unico segno civile e responsabile, per condannare ogni forma di violenza.

Tu che cosa ne pensi?

Dedica un minuto al sondaggio, per confrontare la tua opinione con quella di altri blogger.

Annunci

La vita in rosa

Tagged with: , ,
Pubblicato su Memoria Narrante
10 comments on “#Expo2015
  1. Laura ha detto:

    Verissimo, un bacione cara, ❤

    Piace a 2 people

  2. federicabonzi ha detto:

    Non vivere la propria vita, che gran regalo alla paura. Ho già da tempo i biglietti per l’ Expo e non lo perderò. La nostra, la mia libertà è la libertà di tutti.

    Mi piace

  3. Cix79 ha detto:

    Più che altro, ci andrò senza pormi il problema. Nel senso che se dovessero davvero esserci attentati potrebbero esserci ovunque, in metro o sul bus mentre vado in ufficio, o quando vado a fare una passeggiata in duomo o in zona navigli.. il pericolo è ovunque ma non posso mica chiudermi in casa per una possibilità. Spero non accada nulla ovviamente, e se qualche male intenzionato ha grilli per la testa, spero che per una volta l’intelligence lo blocchi per tempo

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

Articoli Recenti
Archivi
Categorie
Follow Memoria Narrante on WordPress.com
Le favole dentro la borsa
Le favole dentro la borsa

Giuseppina D'Amato

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: