Il ritorno a casa


Oggi sono tornata a casa. La vita a New York è dinamica, appassionante e faticosa allo stesso tempo. Ho portato con me esperienze rilevanti e conoscenze nuove. Il mio bagaglio professionale si è arricchito con vantaggiose scoperte scientifiche e novità farmacologiche. La mia esperienza umana è impreziosita da nuove amicizie e altre sfide personali superate e vinte. La vita negli Stati Uniti è frenetica. Io sono abituata alla calma europea.

Amo l’Italia, l’Umbria e le piccole e ordinate città della provincia italiana. Il soggiorno americano è stato interessante, ma ho vissuto il rientro a Villa Umbra come una liberazione, un ritorno alla casa madre.Un nuovo ciclo della mia vita si schiude. Altre novità mi attendono. Non posso vivere senza pensare a nuove prove e a uno scenario vitale e ricco d’avvenimenti. Sono curiosa. Il futuro mi attrae. M’interessa. Vedremo che cosa mi riserverà la vita, nei prossimi mesi. Vivo alla giornata, adesso. Non progetto la vita a lungo termine, ma organizzo l’esistenza in vista dell’imminente futuro. E nelle settimane a venire prevedo riposo, visite agli amici, passeggiate in campagna e sulle colline umbre.

Brano tratto dal Romanzo “La vita segreta” di Giuseppina D’Amato, autrice del blog.

Annunci